MOOVE - Centro Medico Riabilitativo | Fisioterapia e personal training a CesenaticoMOOVE - Centro Medico Riabilitativo | Fisioterapia e personal training a CesenaticoMOOVE - Centro Medico Riabilitativo | Fisioterapia e personal training a Cesenatico

SPALLA CONGELATA

Come riconoscere e risolvere questa dolorosa patologia
SPALLA CONGELATA

La spalla è un’articolazione complessa e delicata che talvolta va incontro a diverse problematiche muscolo-scheletriche.



La spalla congelata, o capsulite adesiva, è una patologia che colpisce il 5% della popolazione mondiale tra i 40 e i 65 anni.
Il 70% dei soggetti con spalla congelata è donna.
Questa problematica è caratterizzata da dolore e progressiva restrizione del movimento attivo e passivo della spalla con conseguente limitazione funzionale nelle attività di vita quotidiana.
Nella maggior parte dei casi di spalla congelata la causa è sconosciuta.
E’ stato però riscontrato che il diabete e l’iper-ipotiroidismo sono fattori dei fattori di rischio per lo sviluppo di questa patologia. Diversi studi, inoltre, hanno trovato una correlazione diretta con ansia e disturbi del sonno.




La capsula che avvolge l’articolazione è la zona principalmente colpita da questa sindrome.
Nella fase iniziale vengono innescati dei meccanismi infiammatori che creano dolore acuto, spesso anche notturno.
Successivamente la capsula articolare va incontro a fenomeni di fibrosi che portano a una sensibile limitazione di movimento con una riduzione del sintomo doloroso acuto.
I pazienti lamentano difficoltà durante le attività di vita quotidiana, con il vestirsi o il portare il braccio sopra la testa.

La diagnosi di spalla congelata è basata sull’anamnesi e sull’esame clinico del paziente; le indagini strumentali (RX, RMN, ecografia) sono utili per escludere altre patologie che possono creare sintomi simili.
Il dolore è generalmente localizzato nella parte anteriore della spalla e viene descritto come una forte fitta durante i movimenti di rotazione della spalla.
I sintomi di questa malattia possono durare dai 3 mesi fino addirittura ai 2 anni se non trattata in maniera precoce ed efficace.



Per questo motivo è fondamentale fare una corretta diagnosi precoce ed iniziare il prima possibile il trattamento riabilitativo. Inoltre è stato riscontrato che le persone con i sintomi più severi all’inizio, avranno una prognosi peggiore nel lungo periodo.
Il paziente deve essere informato sul decorso della patologia e sulle strategie terapeutiche utili alla gestione del dolore a al recupero della funzionalità della spalla.
Il paziente deve essere a conoscenza che il percorso sarà lungo e che sarà molto importante collaborare in maniera positiva con il fisioterapista e l’ortopedico.






Le indicazioni degli ultimi studi scientifici sulla spalla congelata manifestano l’efficacia delle infiltrazioni di corticosteroidi sulla riduzione del dolore e dell’irritabilità della spalla.
La terapia manuale, le mobilizzazioni e gli esercizi di stretching guidati dal fisioterapista ed effettuati a come auto-trattamento hanno mostrato risultati incoraggianti per quanto riguarda il recupero del movimento e la riduzione della disabilità.
In caso di insuccesso del trattamento conservativo, il medico può consigliare un approccio più invasivo come lo sblocco articolare in anestesia di plesso o l’intervento chirurgico di release artroscopico.




 
Bibliografia

The pathophysiology associated with primary (idiopathic) frozen shoulder: A systematic review. Ryan V, Brown H, Minns Lowe CJ, Lewis JS. BMC Musculoskelet Disord. 2016
The effectiveness of physiotherapeutic interventions in treatment of frozen shoulder/adhesive capsulitis: a systematic review. Jain TK, Sharma NK. J Back Musculoskelet Rehabil. 2014
Manual therapy and exercise for adhesive capsulitis (frozen shoulder). Page MJ, Green S, Kramer S, Johnston RV, McBain B, Chau M, Buchbinder R. Cochrane Database Syst Rev. 2014
Frozen shoulder: the effectiveness of conservative and surgical interventions--systematic review. Favejee MM, Huisstede BM, Koes BW. Br J Sports Med. 2011